Psicoterapia

psicoterapia01I disagi e i disturbi di origine psicologica sono dei segnali ai quali bisogna dare il legittimo ascolto, sia che si manifestino come conflitti interiori, sia che si tratti di veri e propri sintomi: indicano che qualcosa non va.

Un percorso di psicoterapia può essere intrapreso dopo un'accurata fase di valutazione (Consulenza psicologica), e su indicazione del professionista cui ci si è rivolti. In alcuni casi può essere necessario ricorrere preventivamente a un medico specialista, per escludere la presenza di eventuali problematiche di tipo organico, e poter così effettuare un'accurata diagnosi psicologica.

 

"In questo periodo mi viene spesso uno sfogo su braccia, gambe e decolleté: mi prudono tantissimo, e io grattandomi mi provoco delle vere e proprie escoriazioni. Sono stata dal dermatologo, e ho anche fatto i test per le allergie, ma è risultato tutto negativo: a quel punto il mio medico di base mi ha consigliato di rivolgermi a uno psicoterapeuta, per valutare se ci siano delle motivazioni psicologiche di fondo"

 

Nel caso in cui si intraprenda un percorso di psicoterapia, è necessario avere sufficiente consapevolezza del fatto che, per produrre dei cambiamenti, ci vorranno determinazione, impegno e tempo. Un processo di trasformazione, infatti, è qualcosa di complesso, che richiede

  • la scelta di un terapeuta con cui si senta di riuscire a lavorare bene,
  • la tolleranza dei tempi: l'orario della seduta, la sua durata, le interruzioni per le vacanze, la consapevolezza che "ogni cosa ha il suo tempo", etc
  • i costi: non solo in termini economici o di investimento di tempo, ma soprattutto in termini mentali, cioè...
  • ... la fatica emotiva nell'intraprendere e portare avanti un percorso che può essere anche lungo e impegnativo. Senza contare che la buona volontà da sola non basta, perché le resistenze inconsce verso alcuni tipi di cambiamenti sono all'ordine del giorno per tutti i pazienti, anche i più motivati!

 

Portare avanti una psicoterapia significa accettare di attraversare

  • momenti favorevoli – in cui molte cose sembrano muoversi in una buona direzione -,
  • altri decisamente negativi – quando emozioni penose e sfiducia sembrano avere la meglio - e
  • altri ancora in cui semplicemente sembra non succedere nulla – ma in realtà sappiamo bene che la nostra psiche continua incessantemente il suo fruttuoso lavorio -.

 

Spesso le persone stanno male proprio perché per troppo tempo hanno cercato di farsi forti, negando il proprio dolore.

"Dopo la morte di mio padre mi sono buttata anima e corpo nel lavoro, e ho occupato il più possibile tutto il mio tempo libero uscendo con gli amici... per non pensarci. Poi, però, ho avuto il primo attacco di panico, e ora vivo nel terrore che mi torni di nuovo. Sono passati quasi 2 anni da quel lutto, e se ci penso mi viene ancora da piangere. Ma non riesco ad accettarlo: sono una donna nel pieno della mia carriera, con una vita sociale pienissima e molto realizzata: com'è possibile che mi stia succedendo questo? Credevo di essere una persona forte, e invece ora ho paura persino di andare a fare la spesa"

 

Il percorso psicoterapeutico viene consigliato in tutti quei casi in cui si ravveda la necessità di intraprendere insieme all'individuo un percorso clinico continuativo, improntato alla diminuzione del disagio che ha portato alla consultazione e al raggiungimento di un buona autoconsapevolezza, di una maggiore autonomia personale e di un valido livello di integrazione interiore.

 

psicoterapia02Lo strumento principale di intervento è il colloquio clinico, che dura 45-50 minuti, e ha una frequenza da valutare in relazione alla problematica del paziente e con lui da concordare.

La psicoterapia a orientamento psicodinamico si propone di accompagnare l'individuo a riflettere sul proprio mondo interno e ad acquistare una maggiore consapevolezza dei propri processi mentali e comportamenti. Questo significativo processo è reso possibile dalla presenza di un terapeuta che contiene la sofferenza della persona e facilita l'elaborazione di contenuti psichici: in questo modo la ricostruzione della propria storia di vita e la ricerca di un senso e di un'interpretazione per la propria sofferenza, ma anche per i propri atteggiamenti consueti, diventano strumenti e insieme obiettivi imprescindibili di un lavoro terapeutico.

 

"Sa, dottoressa, durante questa settimana ho pensato spesso alla domanda che mi ha fatto la scorsa settimana sulle difficoltà di comunicazione con la mia fidanzata: non avevo mai pensato che in effetti quando qualcosa non va ho la tendenza a mettermi sulla difensiva accusando più o meno direttamente lei di avermi fatto qualcosa"

 

La progressiva risoluzione dei sintomi e il miglioramento della qualità delle relazioni interpersonali portano all'individuo un rinnovato senso di serenità e di autonomia.

Dr.ssa Roberta Cacioppo - P.IVA 03767950961

Copyright © 2014 Roberta Cacioppo

credits: domenico sestito